Trainers

 
D'ADDEZIO2.jpg

Massimo D’Addezio

Massimo D'Addezio nasce in una famiglia di ristoratori e prosegue sulle stesse orme specializzandosi
nell'arte della miscelazione arrivando a gestire un suo locale fino al 2000 quando decide di intraprendere l'avventura dell'apertura dell'Hotel de Russie, che nei piani originari sarebbe dovuta essere un’esperienza triennale. Ma il divertimento èstato tanto e tale da farlo rimanere al timone dello Stravinskij Bar per più di tredici anni creando un ambiente cosmopolita e totalmente indirizzato all'internazionalità.

Nel 2006 viene premiato con lo Stravinskij Bar come miglior Hotel Bar d'Europa.

Nel 2008 è stato premiato da Havana Club come miglior Bar Manager d'Italia per la Guida dei Ristoranti dell'Espresso.

Nel 2009 riceve a Las Vegas il premio di Virtuoso Travel come Best Hotel Bar in the World.

Dal 2005 ad oggi è presente sulla guida dei bar del Gambero Rosso come uno dei migliori barman in Italia.

Nel 2014 apre uno nuovo concept bar "Co.So. Cocktail & Social" cocktail bar basato sulla cura della qualità del servizio e sulla scoperta, da parte del cliente, di un modo di bere moderno e fuori dagli schemi.

Nel 2016 il suo progetto "Chorus Café" di Roma, partito a gennaio del 2015 e che lo vede protagonista tutte le sere dietro al banco, entra nella classifica di Condé Nast come uno dei nove migliori bar del mondo.

Massimo negli anni si rende protagonista all'interno di Gambero Rosso Channel, della creazione di contenuti televisivi sul mondo degli spirits e della miscelazione.

 
05-gelasio-gaetano-daragona-lovatelli-the-picture-of.jpg

Gelasio Gaetani d’Aragona

Nato a Roma, iscritto all’Università di Lettere e Filosofia “La Sapienza” a metà corso decide di cambiare facoltà e si iscrive alla facoltà di Agraria. Produttore Storico in Montalcino si trasferisce negli Stati Uniti dove trascorre ben otto anni. Seguono tre anni in Inghilterra, un anno in Asia lavorando in cantine californiane e con gruppi di distribuzione e importazione di vini italiani.

Membro della Giunta direttiva dell’Enoteca italiana di Siena, è stato direttore della rivista “L’etichetta” fondata da Luigi Veronelli.

Scrittore e giornalista, divide il suo tempo fra Londra, New York e il Far East dove presta la sua consulenza per gruppi distributivi impegnati con il vino italiano e per conto di gruppi internazionali di investimento nel settore.

Ha studiato al prestigioso Institute of Master of Wine di Londra il conte Gelasio Gaetani Lovatelli d’Aragona (la sua famiglia è d’alto lignaggio ed è una delle più antiche di Roma: nella sua storia ci sono tre Papi, tra cui Bonifacio VIII). Fra le sue molteplici  attività correlate al settore è creatore di cantine personalizzate sebbene tale attività èquella che lui chiama ...“un divertimento”.

Gaetani è un “giramondo” e profondo conoscitore dei mercati e delle dinamiche che regolano il commercio del vino internazionale, regolato se non dominato, a suo parere,da vere e proprie  lobby di potere. Nel 2001 fonda a Roma “ The International Wine Academy of Roma” insieme a Steven Spurrier (senior Editor di Decanter  e a Roberto Wirth proprietario dell’Hotel Hassler di Roma. Le aziende vinicole italiane con cui collabora sin dai loro esordi sono per lo più Toscane. Fra queste la Tenuta di San Guido del Marchese Nicolò Incisa della Rocchetta (Sassicaia), la Tenuta dell’Ornellaia, oggi di proprietà dei Marchesi Frescobaldi, l’azienda Marchesi Antinori S.p.a. e la Tenuta di Argiano (Montalcino Siena).  Dal 2018 è a capo del Wine Department della casa d’Aste Wannenes.